L’attore

Molteplici tentativi di agire per e con lo stupore a favore di un pubblico, molto spesso a favore di se stessi, della propria desiderosa rinascita per nuovamenti di artista. Già Fiorucci più di 20 anni fa riusciva ad acchiappare la gente davanti alle sue vetrine viventi. La pandemia o altro è solo un pretesto, quella messa in campo è la rivoluzione culturale. Le necessità di saggia saggezza. Ogni tentativo come questo di cui colgo l’energia e meno i particolari è una buona dose di coraggio. Questa è la vera restituzione di un artista devoto ad essa per i principi appassionati di chi fa spettacolo dal vivo. Ches sia pieno o vuoto di buone intensioni o solo fine allo stesso pensiero del proprio, Vi giunga il mio grazie per la Vostra intraprendenza e capacità di fare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *