Cantico delle creature

Altissimu, onnipotente, bon Signore,

tue so’ le laude, la gloria e l’honore et onne benedictione.

Ad te solo, Altissimu, se konfàno

et nullu homo ène dignu te mentovare.

Laudato sie, mi’ Signore, cum tucte le tue creature,

spetialmente messor lo frate sole,

lo qual è iorno, et allumini noi per lui.

Et ellu è bellu e radiante cum grande splendore,

de te, Altissimo, porta significatione.

Laudato si’, mi’ Signore, per sora luna e le stelle,

in celu l’ài formate clarite et pretiose et belle.

Laudato si’, mi’ Signore, per frate vento

et per aere et nubilo et sereno et onne tempo,

per lo quale a le tue creature dài sustentamento.

Laudato si’, mi’ Signore, per sor’aqua,

la quale è multo utile et humile et pretiosa et casta.

Laudato si’, mi’ Signore, per frate focu,

per lo quale ennallumini la nocte,

et ello è bello et iocundo et robustoso et forte.

Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre terra,

la quale ne sustenta et governa,

et produce diversi fructi con coloriti flori et herba.

Laudato si’, mi’ Signore,

per quelli ke perdonano per lo tuo amore,

et sostengo infirmitate et tribulatione.

Beati quelli che ‘l sosterrano in pace,

ca da te, Altissimo, sirano incoronati.

Laudato si’ mi’ Signore per sora nostra morte corporale,

da la quale nullu homo vivente pò scappare:

guai a quelli che morrano ne le peccata mortali;

beati quelli che trovarà ne le tue santissime voluntati,

ka la morte secunda no ‘l farrà male.

Laudate et benedicete mi’ Signore’0

et ringratiate et serviateli cum grande humilitate.

 

 

 

Parlo con la musica a. a. 2021/2022

Laboratori e corsi musico teatrali

Anno accademico 2021-2022

Vi presento un itinerario culturale musico teatrale che si muove su espressività, teatralità, ottimismo, ritmo, fantasia e benessere. Il Format coniuga partecipazione emotiva e spettacolare, utilizza l’ascolto musicale e relazionale. Quest’anno tornano i laboratori di Teatro ragazzi. Parlo con la musica è un format in cui possono partecipare le famiglie.

L’animatore, o il facilitatore culturale, sono professionisti capaci di “attivare un contratto di relazione ludica e comunicativa, in qualsiasi situazione”. La modalità teorica e pratica riguarda il programma Parlo con la musica. Questo percorso formativo offre strumenti di elaborazione creativa; approfondisce la ricerca nel campo delle offerte educative, favorisce in tal senso la comunicazione attraverso esperienze individuali di tutti i partecipanti.

Questa Officina ludico/creativa è un magnifico strumento di educazione esperienziale per artisti, animatori, educatori dal 1983. Dal 1988 è stato adottato anche come piano di lavoro di empowerment. Molti referenti istituzionali e d’impresa grazie a questo percorso (potenza del gioco relazionale musico/espressivo/teatrale) hanno tradotto e implementato la loro comunicazione d’impresa in spettacolo, con soluzioni di interesse e coinvolgimento verso i propri target group. A richiesta un’ampia case-history a riguardo.

Da Lunedì 25 ottobre iniziano i corsi e laboratori condotti da Salvatore (Turi) Greco al Centro Studio Danza di Catania diretto da Cecilia Guzzardi, in Via Raimondo Franchetti 72. Ampie sale, con buona acustica, in un contesto confortevole/pratico, riservato.

Per info tel. 347 734 4773

Attore e regista del gioco

LUNEDI e VENERDI’ dalle 14:00 alle 16:00

Costo 100€ al mese a cui si aggiunge 20€ iscrizione e 19€ manuale

Laboratorio ragazzi da 6/12 anni

MERCOLEDI’ dalle 18:00 alle 19:30

Costo 60€ al mese a cui si aggiunge 20€ iscrizione

Parlo con la musica

DOMENICA 2° e 4° de mese 9:30/12:30

Costo 20€ ad incontro a cui si aggiunge 20€ iscrizione e 19€ manuale

 

Per info tel. 347 734 4773

 

 

Pasolini

Necessità di stare da solo, perché da solo, abbracciandomi, amando ogni dettaglio reale e surreale, ogni sperduta cocciutaggine, ogni inutile poesia, ogni mutismo, a piedi, in scooter o se è il caso in autobus, riesco a riconoscere le cose, le voci, i suoni di ciò che è naturale accorgersi e ringrazio il coraggio e l’avamposto di Justine per l’assist riflessivo di te amica che porti a pensare dal Pasolini detto che nulla è scontato e che è tutto scontato

musica del mattino

Cadenza come chi ti vuole svegliare. Doppia sonorità invocatrice di vita e nuove ottimizzazioni. Spazi ampi e nuovi per nuove soluzioni.

 

 

 

 

Parole aperte e libere che si associano con il secondo brano con il secondo brano

E il terzo chiude il cerchio del buon giorno

 

 

 

 

 

“coraggio, la fantasia è in gioco(…) aspetto la fioritura”

 

 

 

Recensione

Recensione del 16 settembre su La Sicilia a firma di Leonardo Lodato e un po’ di immagini storiche che riguardano il percorso del Format Parlo con la musica dal 1977

Specchio

“Chiunque sia, dal momento in cui incrocia il nostro percorso, è sempre il nostro specchio e ci rimanda ogni sfaccettatura di noi”

 

Bloom Studio

 

PARLO CON LA MUSICA è un format musico/teatrale che si concretizza con un laboratorio pratico esperienziale ideato e condotto da Salvatore (Turi) Greco

Anno Accademico 2021-2022
Da domenica 3 ottobre dalle 9.30 alle 12,30 Salvatore Greco conduce presso Bloom Studio a Mascalucia (CT) Via Scalilla 78 il laboratorio Parlo con la musica.
La 1° e la 3° domenica del mese dalle 09.30 a 12.30
Costo €60 al mese (minimo 3 mesi perché ogni trimestre si realizza un’esercitazione pubblica) e €20 di iscrizione che vale 12 mesi
 
Il corso da diritto ad agevolazioni e sconti per spettacoli, escursioni, stage e seminari attinenti al tema dell’arti musico teatrali.
Informazioni ed iscrizioni mail parloconlamusica@gmail.com
 
Seguiamo il nostro istinto, diventiamo audaci
Conserviamo la nostra potenza, sviluppiamola
Decidiamo di vincere su qualsiasi ostacolo
Utilizziamo chi siamo per migliorarci,
per migliorare il mondo.
La musica è una grande opportunità
È quella opportunità a volte evidente a volte nascosta
Che ci permette di comprendere e di sviluppare
Ciò che è più potente per noi,
ciò che è più importante per noi.
È un percorso filosofico
in quanto non necessario e altrettanto necessario
Una scatola degli attrezzi che permette di dialogare,
di essere utilizzata al momento opportuno.
L’ascolto musicale sta nell’esercizio del dubbio
L’ascolto della musica è una chance, un’opportunità
L’ascolto della musica avviene sempre,
a volte senza una precisa connotazione
non sappiamo bene la scelta di quella musica
come e da dove arriva, da quale contesto
Qual è stato il primo,
È un susseguirsi di incipit.
Questo Format esplora suggestioni,
Sviscera le potenzialità di ogni database musicale.
Ogni costruzione è indirizzo,
di infiniti brani musicali
Scegliere è utilizzare, non solo per ballare
La musica è espressione di sé.
 
La musica è una modalità di comunicazione intensa e universale, che consente un approccio non convenzionale. “Parlo con la musica” è un’occasione importante con cui e da cui fare esperienza con una profonda comunicazione gestuale che avviene tra due o più persone, o di una persona con sé stessa. Questo nuova forma di dialogo viene condotta da Salvatore Greco non solo tramite le canzoni, la musica per l’appunto, anche con la voce, col corpo, con la danza e in molti altri modi creativi per aprire la propria anima alla bellezza e all’armonia.
Ognuno trova nella musica uno scrigno di emozioni. Comunicare con la musica, scambiarsela, vuol dire interagire con il mondo, dare ascolto alle proprie percezioni, alla propria identità. Questa esperienza coltiva ascolti diversi, li utilizza come dati emozionali, gestuali, musicali, che possiamo condividere, usando flussi energetici liberi da schemi preconcetti o pregiudizi su sé stessi o sul mondo.
 
Il Laboratorio è un’esperienza musico teatrale, si svolge sia all’interno che all’aria aperta. Per partecipare al workshop è necessario avere uno smartphone, o un lettore audio digitale portatile, walkman, o altro con auricolari; è consigliato abbigliamento comodo
 
Valore
Promuovere benessere ad ogni partecipante. Offrire strumenti di elaborazione creativa. Favorire positività, leggerezza. Agevolare la comunicazione relazionale e nel contempo, con i vissuti posti in campo, approfondire questa ricerca che viene proposta e accolta da molti anni.
 
Fruizione
Come ogni attività olistica, filosofica e culturale è di libera scelta, possono partecipare persone di qualsiasi età. È suggerita a chi è infintamente curioso. Questo format è adatto a tutti. Dal 1981è strumento di didattica in scuole di ogni ordine e grado. Dal 1988 anche come progetto di empowerment che ha permesso a molte Imprese e Target Group di tradurre la comunicazione aziendale in spettacolo. A richiesta un’ampia case-history a riguardo.
 
Benessere
Come approfondimento di ogni prodotto culturale contemporaneo, l’immaginario ha a che fare da sempre con la filosofia. In tutti i prodotti estetici c’è il nostro modo di interpretare e di pensare il mondo e quindi allargare il pensiero. Il Format Parlo con la musica lavora su Pratica e Sguardo. Facile e interessante esperienza che consente un approccio non convenzionale all’ascolto musicale. Parlo con la musica è un’occasione importante con cui fare gioiosa esperienza su tutto ciò che ruota attorno alla comunicazione musicale che avviene tra due, più persone o con sé stessi. Accorgersi della musica non soltanto fruirla. Questo lavoro è costruito con il suono, la voce, il corpo, la danza, l’empatia, l’armonia. Ognuno trova nella musica uno scrigno di informazioni in essa contenute. Comunicare con la musica, scambiarsela, vuol dire interagire con il mondo, dare ascolto alle proprie percezioni, alla propria identità. L’esperienza coltiva ascolti diversi, li utilizza come dati emozionali, teatrali, che possiamo condividere usando flussi energetici liberi da schemi preconcetti o pregiudizi su sé stessi o sul mondo dal libro manuale Parlo con la musica di Salvatore Greco ed. Susil Edizioni.
 
Storia del laboratorio
Salvatore Greco ha iniziato ad utilizzare la musica come dialogo in forma spettacolare dal 1977, prima in radio come DJ e a seguire in occasione della realizzazione di eventi spettacolari in discoteca. La primissima versione di questo Format è stata realizzata nel 1981 per un gruppo di ospiti di un villaggio turistico. Dal 1989 è stato intitolato Programma Scioltezza, dal 2004 Il Gesto impresso, dal 2018

Condividere

 

Ci sono momenti non duplicabili, la vita è non duplicabile. Neanche il teatro può farlo anche se le battute sono le stesse della sera prima. La fotografia ti assicura di riprenderli i frammenti dei puzzle che costruiamo. Cinema con la memoria usata, diventa istanti di misure d’anima. È ciò che ti dà un nuovo sguardo, quel nuovo vedere, come a me adesso, oggi, con quel gusto di sognare, il gusto di tornare o costruire quel momento, di manifestarlo. Arte illustrata. Interpretazione di un pensiero che anche se di altri diventa tuo in una magia che ne seguirà un’altra. Scambi, gioia condivisa. Spettacolo che ti incoraggia, che sprona a lavorarci. Nuovi scenari, nuove scelte. Ci diciamo, ci ripetono che questa socializzazione serve a poco, che stordisce, che non ci accontenta, che diventa giudicante come adesso per esempio per te. Permetto l’accezione, come in questa essenza, questo mio vedere. Mi sembra una conquista, mi sembra buona cultura, umanesimo esperienziale. Grazie ad ogni fautore di questa immagine catturata poco fa, coppia, fotografo, location, luce, viraggio. Sconosciuti che oggi sono poesia, per me. Stranieri o conterranei, illuminati, illuminanti. Grazie al condividere, al rappresentante.
Buon giorno alla pazienza figlia della speranza

Sperimentazione

Potente e magico il connubio, il dialogo raccontato fra Morning Passages da The Hours Soundtrack di Philip Glass e A flore is not Flower di Ryuchi Sakamoto. Questo è la sperimentazione, che rappresenta le ricerche su musica e relazione. Presentato questo montaggio audiovisivo con un esercizio libero e coinvolgente il 23 dicembre 2010 al PKN vol. 9 c/o ZO a Catania. Lo studio va avanti da tempo è visualizzato da immagini che corrono sul binario della conoscenza e della musica. Due grandi autori, interpreti internazionali. Alimentare e sviluppare la nostra creatività utilizzando tutta la musica, quella di ognuno, nessuna esclusa. La musica produce benessere. La musica porta con se i nostri sentimenti. La musica fotografa l’impossibile. La musica stimola la raccolta di sensazione in qualsiasi tempo e condizione. Giriamo attorno alla musica. La musica ci fa scrivere, teatralizzare, ballare, ascoltare gesticolare. La musica si basa sul tempo, la musica è ritmo. La musica visiva è la storia di chiunque ne venga a contatto. Dentro ogni musica c’è un punto d’osservazione che si modifica e si aggiorna costantemente.

Per info parloconlamusica@gmail.com

www.parloconlamusica.com