Generosa generazione

Ogni cammino in questa terra porta con se la magia dell’esplorazione. Tutto parte dalla direzione o panorama al quale ci si rivolge e dalla determinazione con la quale si inizia a percorrere, a volte attraversare, ciò che si sente di fare, In ognuna di queste scelte c’è la nostra missione, vocazione, più o meno ascoltata. Amarsi vuol dire anche questo, ascoltare la propria anima, il progetto che ha con sé. La vita è un susseguirsi di meravigliose opportunità. Semplice

Semplice

Nulla accade pe caso. Ogni impetuosa e sincera vibrazione produce energia qui o da un’altra parte. Questa foto rende giustizia ad ogni grammo della dedizione all’arte. Simboli di amore di chi è felice di abbracciare la parte più anima di sè, semplice. Apriamoci a questa naturale consapevolezza

Love

È il grande sogno di ogni persona comune che vive la sua vita con la gioia e il desiderio della condivisione, della partecipazione dell’amore che se vissuto in due, in famiglia, si moltiplica all’infinito

Love VS Time by Elena Shumilova

 

sun

è una immagine, questa di Piero Fornasetti Sun, 1962 che appartiene alla mia infanzia, al generoso equlibrio tra abbondanza e mancanza

Due

Sii paziente verso tutto ciò

che è irrisolto nel tuo cuore e…

cerca di amare le domande, che sono simili a

stanze chiuse a chiave e a libri scritti

in una lingua straniera.

Non cercare ora le risposte che possono esserti date

poichè non saresti capace di convivere con esse.

E il punto è vivere ogni cosa. Vivere le domande ora.

Forse ti sarà dato, senza che tu te ne accorga,

di vivere fino al lontano

giorno in cui avrai la risposta.

Rainer Maria Rilke (da Lettera ad un giovane poeta)

 

Spirito guida

Lo spirito determina tutto

[…] “Spirito” è la vita interiore, l’ichinen. E ciò che decide a cosa dedichiamo la vita, la preghiera fondamentale su cui basiamo la nostra esistenza. Lo spirito è invisibile, ma diventa manifesto nei momenti cruciali. Inoltre regola ogni cosa di una persona, ogni momento della giornata: è il fattore decisivo nella vita.

Secondo il “Sutra della ghirlanda di fiori” il cuore è come un abile pittore, che crea liberamente la rappresentazione di ogni cosa. Il cuore è il pittore, lo scultore, l’architetto del nostro essere.

Il grande maestro T’ien-t’ai si serve di questa frase per illustrare la dottrina di “ichinen sanzen” (tremila regni in un singolo istante di vita); usa l’immagine di un grande pittore per spiegare che il cuore (ichinen) si manifesta nei tremila regni di tutti i fenomeni (sanzen).

Dunque è lo spirito (la mente, il cuore, il momento vitale) che conta; esso include le nostre speranze e le preghiere; si può anche identificare con il subconscio.

“Che tipo di futuro immagino per me stesso? Che genere di personalità cerco di sviluppare? Che cosa voglio realizzare nella mia vita?” Dipingendo nel cuore la visione della propria vita con quanti più dettagli possibili, quel “dipinto” diventa lo schema del futuro. Il potere del cuore permette di fare della propria vita un capolavoro secondo quello schema. Questa è la dottrina dei tremila regni in un singolo istante.

Quanto più è specifico, accurato e pieno di dettagli il disegno che abbiamo nel cuore, tanto meglio. Continuando a dipingerlo a colori vivaci, è necessario perseguirlo a tutti costi. Allora, in ogni istante, la realtà della nostra vita si avvicina gradualmente al disegno.

Come ho detto, ogni cosa dipende da ciò che si ha nel cuore. Le preghiere che vengono dal cuore hanno sempre una risposta. Se noi stessi decidiamo che una cosa è impossibile, allora perfino qualcosa che sarebbe possibile si trasforma in una cosa impossibile. D’ altro canto, se crediamo di poter fare una determinata cosa, abbiamo già compiuto un passo verso la sua realizzazione.

Secondo il principio dei tremila regni in un singolo istante di vita, i pensieri pessimistici prendono forma nella realtà, così come sono, e producono effetti negativi. Chi ha pensieri catastrofici crea effetti perfettamente conformi alla propria visione.

Dunque è importante essere ottimisti. Nel Buddismo non esiste niente che assomigli al pessimismo; il Sutra del Loto fornisce la chiave per nutrire fiducia anche in mezzo alle situazioni più disperate. Nichiren Daishonin lo ha provato con la sua vita.

D. Ikeda: “Gli eterni insegnamenti-Lezioni sugli scritti di Nichiren Daishonin” Esperia (pag. 83/84)

Pazienza

Ci sono momenti induplicabili, la vita è induplicabile.
Neanche il teatro può farlo anche se le battute sono le stesse della sera prima. La fotografia ti assicura di riprenderli i frammenti dei puzzle che costruiamo. Cinema con la memoria usata, diventa istanti di misure d’anima. È ciò che ti dà un nuovo sguardo, quel nuovo vedere, come a me adesso, oggi, con quel gusto di sognare, il gusto di tornare o costruire quel momento, di manifestarlo. Arte illustrata. Interpretazione di un pensiero che anche se di altri diventa tuo in una magia che ne seguirà un’altra. Scambi, gioia condivisa. Spettacolo che ti incoraggia, che sprona a lavorarci. Nuovi scenari, nuove scelte. Ci diciamo, ci ripetono che questa socializzazione serve a poco, che stordisce, che non ci accontenta, che diventa giudicante come adesso per esempio per te. Permetto l’accezione, come in questa essenza, questo mio vedere. Mi sembra una conquista, mi sembra buona cultura, umanesimo esperienziale. Grazie ad ogni fautore di questa immagine catturata poco fa, coppia, fotografo, location, luce, viraggio. Sconosciuti che oggi sono poesia, per me. Stranieri o conterranei, illuminati, illuminanti. Grazie al condivisore/a, al rappresentante.
Buon giorno alla pazienza

Connubbi

Lukas Dvorak, Love at the skate park, n/d.
Gli amori infernali, quelli burrascosi. Sono quelli infiniti. Le bellezze di trascendenti turbamenti, di assurde fissazioni che si trasformano in illiogiche logiche. Le cangianti riflessioni su ciò che siamo su ciò che vogliamo o non vogliamo. Simboli, le autorità dell’immaginario. Poesia, c’è chi ci vomita sopra. Esperienze. Sconfinati sentimenti che sembrano incolori, da qui è prodotto un arcobaleno. Il sogno è realtà. Beatitudini. Sta ad ognuno di sé rinnovarle. Proteggiamo l’amore

Imperativo

È tutto ciò che è l’adesso di te

È ciò che ho

È la sola possibilità

È ciò che mi deve bastare

È la visione della tua presenza

È il sapore di ciò che manca

È il nostro essere vicini e lontani

È la rivoluzione

È amore

Servitù

A chiare lettere. La spiegazione, o meglio, il senso dell’indisciplina parte da una storia antichissima. Una vocazione a cui aspirare nel conforme uso delle parole

Nel paese delle Destrezze, vicino al paese delle Similitudini, il Picchio Non so cosa fare si rivolge all’albero Non so cosa dire. “Buon giorno, mi racconti la storia dei virtuosismi?”; “forse è un po’ noiosa per chi non vuole ascoltare”; “ricordo che mi è piaciuta, ho voglia di riascoltarla”.
“Il Conte dei conti, un giorno davanti la finestra della sua casa maestra, sul tetto della collina, si allenava -Scrivere non è semplice, è un dono per noi prima di tutto, e poi per altri. È retorica solo se non libera spazio e non aggiunge colore. È un vanto ed un’avventura se ridistribuisce ogni cosa. Mette ordine ad ogni pensiero anche quando non immagini che ci sia- Poi il Conte si spostò davanti al camino acceso, continuò con i suoi pensieri -Tutto parte da una idea, minuscola e maiuscola, da un pretesto. La magia sta nel personalizzare le parole, intercambiare secondo la propria storia. La libertà è l’insalatiera della vastità, accoglie l’immaginario e lo rende infinito. Se ci lavori e lavori, il sogno manifesto ti sazia, come ballare, come fare ogni cosa. Come correre, viaggiare- Il Conte raccolse l’erba Inventiva, vivendo ciò che c’è, su una foglietta di appunti.”
L’albero Non so cosa dire in una pausa guardò gli occhi del Picchio “vuoi che continui? È solo l’introduzione. Dei virtuosismi si parla più avanti. Sei annoiato?”; “ti prego continua” rispose Non so cosa fare.
“Una storia dentro la storia”; mentre animali, persone, cose e perfino spostamenti d’aria si avvicinarono all’albero, attorno.
“Il Conte si spostò e andò al lago. Prese la sua barca, remò fino al centro e immaginò di essere fermo al semaforo, in una grande città. Le parole aspettano il verde”.
Tutti quelli vicino l’albero gridarono “oh” un oh, con l’accento esclamativo fortissimo, che si sentì fino a Stàltazia.
Lì vive la zia della cugina Vrinil. Disse “Senti che sta arrivando la storia? Che si sta costruendo?”; la nipote Motel rispose “è la fiaba, dei tempi, la stavamo aspettando. Ascoltiamoci”.
Non so cosa dire dopo un’altra breve pausa, riprese il suo racconto.
“Il campanaro Loretto suonava le campane in ordine e tutti erano abituati a ascoltarle ad orari precisi. Otto campane, ognuna con il suo spazio, ognuna con il suo tempo. La mattina suoni molto dolci in maggiore e la sera all’imbrunire un po’ aspri in minore. I componimenti erano facili da ricordare. Alba e tramonto. Arte dei suoni di circa 120″, ondi.
Loretto, fratello di Sorto, figlio di Agrippe e Matine, aveva ricevuto questo insegnamento dal signor Cioffrello il vecchio campanaro, quando il parroco della chiesa Arroccata era don Leonzio. Oggi il parroco è don Ugualdo e la chiesa è sempre Arroccata.
Non importa che tu conosca i toni o le note di una campana. Importa che tu sappia che un giorno Loretto volle costruire giri di parole con la voce delle 8 campane. Volle fare le giocolerie musicali per la dolce Virtuosa figlia del droghiere del paese, il signor Franoni, persona tanto per bene. Loretto non sapeva come fare a urlare tutto il suo amore. Usò il suo pensiero portatile. Mischiò i canti dell’alba e del tramonto, ciò che sapeva e aggiunse cose che inventava.
La gente del paese Cortile prima si stupì, poi, con un pizzico di attenzione, pose misura, si sintonizzò. In men che non si dica, gioì come fece Loretto al quale arrivò il sorriso di Virtuosa”
Anche nel lontano paese del Marinto conoscono questa storia.
Il fruttivendolo Gianto disse al pescivendolo Dreni mentre erano al mercato in un giorno di pieno sole “Che piacere unical è la vivacital delle cose nuove. L’autenticity che ognuno ha prima di sé stesso e poi del mondo”; e Dreni rispose “lo scatto ad esprimere in parole senza reticenze”
A Cvieni, paese vicino a Marinto, la sorella di Jely, Mestizia si stava lavando i capelli con il balcone aperto davanti lo specchio e pensò “questa è l’autorevolezza, la gemma dell’umorale dote dell’uomo.”
Al semaforo, al verde, le macchine ripartirono.
Dalla mutazione di ciò che è, ed è già altro, nuovo.
Il Conte dei conti raggiunse l’albero Non so cosa dire, lo abbracciò e richiamò tutti, tanti, che erano li attorno “mutiamo e mutiamoci oltre le cartoline, oltre immagini già vissute. Elaboriamo nuove elaborazioni con ogni incomprensibilità, come una lingua straniera”.
Non so cosa dire si scompigliò le fronde e aggiunse “cantiamo tutti una canzone”.
“Si cantiamo. Seguitemi” disse Mestizia che nel frattempo con i capelli puliti e asciutti era arrivata in mezzo a questa festa.
Tutti cantarono. “Alleniamo il sentire per cogliere nuovi scenari, la speranza e la diversità dell’adesso. Alleniamoci a consumare la retorica. Solo amore.” Lo ripeterono due volte, necessitante chiarezza, in coro
Nonno Abcdef concluse con la sua morale “a voi e per voi, per noi, loro, tutti” senza nessun amen (forse ci avevi pensato). Parole.
Nessuna scoperta, nessuna provocazione. È l’agire della sperimentazione, il divenire piacere di nuove scoperte con quel pizzico o grande voglia di rivoluzione”. Trovare il tesoro, gli obbiettivi posti.